ceremony

Exclusive Party Music & Aperitif con gli abiti Maria Laurenza!

Finalmente le meravigliose foto di un evento che porterò per sempre nel cuore!

Una villa elegantissima ha fatto da cornice per questo party speciale, al quale mi sono legata fin da subito con una forte carica emotiva e affettiva.

Sento di aver avuto intorno a me amici carissimi, che mi hanno fatta sentire davvero amata.
Grazie a tutti di cuore, è stata una serata indimenticabile!

 

Prima comunione e flower girl: abiti da sogno per un look da vere principesse

Abiti unici dai tessuti soffici e dal design magico, in taffettà tulle o pizzo per sognare! Che sia una prima comunione, un matrimonio o un’occasione speciale, Rosa Clarà veste piccole spose e con la sua collezione incanta per eleganza e qualità dei tessuti!

Flower girl per un tocco di tenerezza e allegria.

Sempre di grande effetto è la presenza delle flower girl che precedono l’arrivo della sposa. Le piccole protagoniste, con i loro abitini morbidi, introdurranno invitati e sposi come in una magica fiaba d’amore. La loro presenza darà una carica di emozione, divertimento, colore e romanticismo alla cerimonia nuziale, rendendo il matrimonio unico ed indimenticabile. Il loro compito è quello di spargere petali prima dell’ingresso della sposa o di reggere il velo nuziale.

Si sentono importanti e grandi nei loro vestiti delicati come nuvole, emozionate e impegnate nel loro compito. Per queste piccole principesse, Rosa Clarà ha disegnato una collezione che incanta. Vestitini corti, morbidi e preziosi, copie perfette degli abiti nuziali, con fiori ricamati sui tessuti o sulle cinture, fiocchi sulle maniche corte a sbuffo o lunghe al gomito in pizzo, dai tessuti delicati e dai colori tenui come l’avorio, il rosa, il crema o il bianco, ideali anche per piccole invitate ad occasioni speciali.

Sono pensati le nostre piccole, simpatiche canaglie, sempre pronte a giocare e a disattendere i ruoli importanti che sono richiamati a rivestire, per questo, pur essendo molto preziosi ed eleganti, gli abitini Rosa Clarà sono comodi, corti e non ingombranti, per lasciare libertà di movimento e di gioco, rispettando così la leggiadria puerile. Corsage al polso, coroncine di fiori tra i capelli, abiti da piccole principesse, un bel cestino di petali da lanciare e il romanticismo è servito!

Prima Comunione.

La Prima Comunione rappresenta un tassello importante per la vita di ogni cristiano. Per questa occasione importante, le bimbe spesso sognano proprio un look da piccole spose, per vivere una giornata indimenticabile. Nella collezione 2019, Rosa Clarà sembra aver esaudito questo dolce desiderio, creando proprio una linea di abiti da comunione haute couture, ispirato ai modelli da adulta.

La maggior parte di essi ha una forma piuttosto importante e ampia e ha corpetti e maniche corte al gomito e scollature tonde. Le cinture, anch’esse in tessuto prezioso, si arricchiscono di fiocchi e fiori ton sur ton, o nei colori tenui, creando continuità o progressione con la nuance principale.

Tagli romantici o linee scivolate, dove il tulle e i ricami sono i protagonisti. Gli abiti di ispirazione vintage sono una vera ode al romanticismo, con tanto di accessori floreali che danno un tocco fresco e naturale a tutto l’outfit. Gonne a strati in tulle, che danno movimento, freschezza e romanticismo, si alternano ad abitini in stile impero, per vestire piccole principesse e garantire loro leggerezza e comodità. I fiori sono gli assoluti protagonisti e, ricamati nei tessuti o come accessorio nelle fasce per capelli, conferiscono uno stile retrò, romantico ed elegante, a queste piccole spose in miniatura.

Tutte le nuove collezioni Rosa Clarà per comunione o per damigelle sono disponibili presso l’atelier campano Maria Laurenza, in via Roma, 11, Caivano (Na).

Il Fashion Show Maria Laurenza per un Unconventional Cocktail Party

Un Fashion Show come non siera mai visto, un evento immerso in un’atmosfera magica in stile Maria Antonietta, ispirato alla storia e alle ambientazioni settecentesche, ma in una prospettiva moderna, innovativa, una serata all’insegna del glamour e della moda, con gli abiti Maria Laurenza per uno splendido Unconventional Cocktail Party!

Un team di eccezionali professionisti ha reso possibile la realizzazione di un progetto fuori dal comune, dimostrando come la cooperazione, la passione per il proprio lavoro e l’amore per il bello siano le carte vincenti per il successo. Un trionfo del gusto, dell’eleganza e delle eccellenze del Made in Italy, per una serata esclusiva, nata dalla creatività della wedding planner Sanda Pandza.

Grande successo per la sfilata dedicata alla nuova collezione Maria Laurenza, con abiti raffinati, delicati e dai tessuti preziosi, resi ancora più incredibili dalla cornice di Villa Di Fiorano e dal trucco e dalle pettinature in perfetto stile Maria Antonietta realizzati per le modelle, con un risultato finale assolutamente straordinario.

Un grazie speciale a tutti coloro che hanno contribuito a rendere davvero speciale questo evento:

EVENT DESIGN & CONCEPT:
Sanda Pandza Events
Valentina Picca Bianchi
WPA – Wedding Planner Academy
VENUE: Villa di Fiorano
FLOWERS: Ceccotti Flowers
SET UP: ELE Light
FASHION SHOW: Maria Laurenza
PHOTO: Latitudine 41
VIDEO: Video studio roberto marchi
Roberto Fralleoni
HAIR STYLE: MARCO FAVA
MAKE UP: Nicoletta Marin
Martina Russo MakeUp Artist
BAR: OffSide Events
CAKE DESIGN: Dolcealicecakes
MUSIC: DJLeoAlessandrelli
DJ V.SCidadesMs
LIGHT & SOUND: Mama events
ENTERTANIMENTS: Roma Sound Service Marlu Creative Entertainment Giulia Cencioni
FIREWORKS: La Pirotecnica
CASINO’: CasinòParty Feste Ed Eventi
COSTUMES: #costumepoque
PRESS: Eziamod

Bridal Weekend in Rome: la Moda Sposa come non si era mai vista!

Palazzo Brancaccio è una luxury location a Roma, una residenza storica nel cuore della Capitale, dal fascino sublime e dall’eleganza raffinata, che custodisce un prezioso patrimonio storico, artistico e culturale, grazie al quale, da sempre, il nostro Belpaese è così amato anche all’estero. Quale cornice migliore per un evento esclusivo dedicato alla moda, al glamour, al Made in Italy e al mondo del wedding?

Stiamo parlando del Bridal Weekend in Rome, un incredibile fashion show all’insegna delle eccellenze italiane, che ha offerto ai partecipanti l’esperienza di un percorso attraverso le meraviglie del design e del lusso, partendo dai preziosi abiti firmati Maria Laurenza, per la sfilata che si è tenuta il 9 FEBBRAIO nelle splendide sale del palazzo, fino ad arrivare all’open bride del 10 FEBBRAIO e al “Brunch delle Wedding Planner”!

In occasione di questo evento speciale dedicato alle future spose e alla Capitale, Maria Laurenza ha presentato anche una nuova Capsule Collection di abiti realizzati in tessuto mikado. Il mikado in seta è un tessuto estremamente elegante e raffinato ed è stato protagonista di alcuni celebri matrimoni “reali”, basti pensare alla ex attrice, oggi Duchessa di Sussex, Meghan Markle, che per le sue fiabesche nozze con il Principe Harry ha scelto un abito in mikado molto discusso per la sua estrema semplicità. Ancora, ricordiamo il bride dress scelto nel 1995 da Marie-Chantal, Principessa della Corona di Grecia e Principessa di Danimarca o, ancora, lo splendido abito nuziale in mikado della Regina Maxima, moglie di Guglielmo Alessandro, re dei Paesi Bassi.

Come non celebrare, dunque, il tributo che la Fashion Designer Maria Laurenza ha voluto offrire alle principesse, regine e, in generale, alle donne che hanno fatto la storia indossando abiti di mikado in seta? In esclusiva per il Bridal Weekend, dunque, Maria Laurenza presenterà la sua preziosa mini capsule in mikado.

Ma non finisce qui!!!

Tanti ospiti speciali hanno preso parte all’evento, per un weekend all’insegna del glamour e della moda e grande successo per Maria Laurenza Moda & Sposa, che dopo aver conquistato la Capitale, punta al panorama internazionale, con modelli bride e ceremony raffinati e innovativi.

Grazie a Palazzo Brancaccio e a tutti coloro che hanno creduto in questo progetto, un sogno divenuto realtà:

Mariana Falace Sanda Pandza Sandra Lovisco Beauty-Sporty Influencer Marco Fava Anna Chiatto Wedding Planner Woman & Bride Barbara Castellani Giornalista e Tv presentatrice I fiori di Donatella e Giuliano Nico Celano Elle.it Elle Spose ELE Light white sposa Le Voilà Banqueting Monica Palmieri Wedding Style Roberta Torresan Wedding Planner & Designer Eva Presutti Event&Wedding Planner Elisa Mocci Events – Luxury Wedding Planning & Design Giovanni Raspante Sonia Luongo Events & Floral Designer Federica Ambrosini Barbara Vissani Wedding Influencer

E ancora, grazie a tutti coloro che hanno scritto dell’evento, lasciando un segno meraviglioso di questa esperienza unica:

 

Guida alla scelta dell’abito da sposa perfetto: tagli, scollature e maniche

Emozionare, stupire e meravigliare…queste le sensazioni che deve suscitare l’abito da sposa. Tra tutte le scelte legate al gran giorno è indubbiamente quella più carica di emotività. L’abito deve avere un’allure magica, deve farvi sentire le protagoniste assolute della giornata. Va scelto in base alla fisicità, ma anche in base al taglio , alla scollatura e a dettagli come il tessuto e le maniche.

Vari tipi di taglio

Modello scivolato. Sobrio ed elegante, un vestito da sposa scivolato ha la forma di un abito da sera lungo: generalmente con spalline, cade morbido verso terra e accarezza la silhouette della sposa senza stringerla eccessivamente e seguendo esattamente quelle che sono le sue curve. Il vestito si adatta perfettamente al corpo con grazia e sensualità.

Graziana Valentini

Taglio principessa. Tutte da bambina lo abbiamo sognato: un abito da sposa con il corpetto stretto e delicatamente ricamato e una gonna ampia, che forma bellissime onde e che può sconfinare in un lunghissimo strascico.

Graziana Valentini

Stile impero

Questo taglio fu immortalato da Giuseppina Bonaparte, la moglie di Napoleone, che segnò un’impronta di stile, poi ripresa anche anni più tardi. Un abito da sposa stile impero è tagliato immediatamente sotto il seno e da qui si allarga, senza diventare a palloncino, e scende a terra morbido e leggero, focalizzando l’attenzione sulla parte alta della silhouette.

Linea A

Come suggerisce il nome, la linea A consiste in una parte superiore e una gonna che va allargandosi fino a poter diventare molto voluminosa. E’ uno dei tagli per il vestito da sposa piú popolari al mondo.

Maria Laurenza

Linea dritta

Questo taglio nacque come reazione alla moda dei corsetti del secolo XIX. Con una impronta geometrica, i vestiti di questo tipo si aggiustano alla corporatura, da dove il tessuto si estende in verticale, generando una caduta leggera che aiuta a dissimulare fianchi ampi e altri difetti. La vita rimane ben definita e in generale è un taglio che richiede tessuti leggeri.

Rosa Clarà

Abito da sposa a sirena

Audace e tremendamente sexy, questo stile riprende la forma di una sirena, metà donna metà pesce, per cui ha un corpetto molto stretto che continua fin sotto i fianchi per poi aprirsi come una vera e propria coda e scendere a terra con un leggero strascico. In genere il taglio della coda arriva sopra il ginocchio, per permettere alla sposa di camminare in maniera agevole.

Maria Laurenza

Scollature

In linea generale le scollature profonde sono adatte alle spose minute con un seno piccolo. Le spose che invece hanno un decollètè più generoso devono avere una scollatura più contenuta, oppure una scollatura “illusoria”, ovvero coperta da un tessuto trasparente, che permette di rimanere lo stesso abbastanza coperte.

Scollatura rotonda

Questa è una scollatura classica che può essere adattata a qualsiasi modello di abito da sposa, con spalline o con maniche lunghe o corte. Va bene per tutti i tipi di donne, in particolare quelle dalle piccole spalle, perché crea un effetto ottico che tende a ingigantire.

Rosa Clarà

Scollatura completa senza spalline

In un abito da sposa con la scollatura senza spalline, il corpetto finisce appena sopra il seno. La linea del corpetto può essere orizzontale o ad arco. È uno dei modelli preferiti dalle spose, soprattutto nelle ultime stagioni, ma è adatto solo a quelle che hanno le braccia toniche, le spalle proporzionate e il seno non troppo prosperoso.

Rosa Clarà

Scollatura squadrata

Questa scollatura, che può essere abbinata sia a spalline che a maniche più o meno lunghe, crea l’effetto ottico di allungare il collo.

Rosa Clarà

Scollatura a cuore

Quando il corpetto non ha un taglio orizzontale, ma la forma della parte superiore somiglia a quella del cuore, si parla di scollatura a cuore. È la scollatura ideale per le donne con un seno abbondante.

Graziana Valentini

La scollatura a V è tipica dei corpetti fascianti, ma va bene per tutti i modelli di abiti da sposa. Questa scollatura mette in risalto il seno, soprattutto se è profonda.

Maria Laurenza

La scollatura all’americana è quella caratterizzata da spalline che terminano dietro la nuca e lasciano nude le spalle, le braccia e la schiena per un effetto davvero sensuale.

Rosa Clarà

La scollatura drappeggiata cade sul petto morbidamente. Ha una vestibilità molto fine ed elegante e mette in risalto il seno senza essere eccessiva.

La scollatura a barchetta (o barca) disegna una linea che va da una spalla all’altra dalla forma tondeggiante, motivo per cui ricorda una barca. Può essere molto vicina al seno oppure più accollata, in base al gusto e alla corporatura della sposa. Le spalle restano leggermente scoperte.

Rosa Clarà

Scollatura a girocollo

Fra tutte, menzionata anche per questo per ultima, è quella meno scelta per l’abito da sposa. Gli stilisti la propongono con un collo in pizzo che impreziosisce l’abito e rende l’insieme molto elegante e raffinato.

Rosa Clarà

Le maniche lunghe o corte

La scelta delle maniche per gli abiti da sposa è estremamente ampia, tuttavia, in sostanza, ci si deve orientare fra due indirizzi principali: manica lunga o manica corta. Le maniche lunghe sono indicate per spose  che hanno braccia molto esili o, viceversa, anche molto robuste. Le ultime tendenze del momento prevedono l’utilizzo di abiti da sposa con maniche realizzate con i pizzi più raffinati. Gli abiti da sposa con le maniche lunghe, a tre quarti o appena accennate, realizzate con qualsiasi tipo di tessuto appaiono molto più regali ed eleganti. Le maniche lunghe in pizzo non solo vengono adottate per i modelli invernali, ma compaiono anche sulle passerelle estive.

Maria Laurenza

Il taffetà è la soluzione ideale per l’inverno. Ha un aspetto lucido, luminoso e fruscia ad ogni singolo movimento. Le maniche lunghe fino al polso, svasate e realizzate in tessuto molto leggero come lo chiffon prive di qualsiasi ricamo e applicazione, regalano a chi le indossa con disinvoltura uno charme irresistibile e di gran classe. Il georgette per le maniche di questo tipo va sempre bene, è un tessuto molto prezioso e al tatto risulta morbido, ha un aspetto cadente e ben fluido. Le maniche corte si addicono a spose dai fisici tonici ed asciutti, generalmente longilinee e con pelle abbronzata. La linea migliore è quella svasata e per quanto riguarda il tessuto non c’è alcun limite.

Ottimi i tessuti leggeri per la stagione più calda mentre quelli un po’ più pesanti come il raso o il velluto sono da adoperare in inverno.

Invece per le mezze stagioni il pizzo è la scelta più giusta. Le maniche a palloncino possono essere la giusta soluzione se realizzate in gazar o in organza.

Rosa Clarà

Il gazar è un tessuto di seta trasparente e abbastanza rigido mentre l’organza ha le medesime caratteristiche di rigidità e trasparenza ma la seta di cui è fatto lo rende madreperlato. Le maniche ad aletta sono di forma triangolare, molto piccole e si appoggiano sulle spalle formando un’appendice piuttosto rigida, o in alternativa possono scendere verso il braccio e coprirne solo la parte iniziale. Le più belle sono quelle ricoperte di più file di perle o di piccoli cristalli che a seconda della luce che li sfiora brillano mandando mille e più riflessi. In atelier sapranno suggerirvi i tagli migliori per nascondere un difetto, una linea in grado di esaltare un pregio o un tessuto che rende più vestibile la mise.